La migliore taglia per il mio casco

casco per motoLa scelta della taglia corretta del nostro casco ha, più che mai, importanti risvolti funzionali oltre che estetici. Vi proponiamo una serie di semplici consigli ,estremamente pratici, che vi aiuteranno a capire quando la vestibilità di un casco può considerarsi corretta. Questo articolo è indirizzato soprattutto ai neofiti, e non ha pretese di esaustività o infallibilità. Non crediamo di avere scoperto “l’acqua calda”, ma siamo sicuri che possa tornare utile a chi si approccia al mondo delle due ruote.

Affrontiamo la questione casco: quasi tutte le marche del settore si basano su misure standard della circonferenza testa. Tale misura può essere ricavata misurando la circonferenza cranica all’altezza della fronte con un metro da sarta. Normalmente la tabella è la seguente:

taglie_casco Questi parametri ci aiuteranno nella scelta della taglia corretta ma non sono da ritenersi “infallibili” perché tra le varie marche può anche notarsi un po di differenza di calzabilità.

Molti di voi avranno sentito dire che il casco deve calzare stretto! Questa affermazione può ritenersi in massima parte corretta sia per questioni di sicurezza, sia perché il flusso d’aria, a velocità sostenuta, tenderà a far spostare il casco dalla posizione iniziale. Il materiale interno tenderà inoltre a comprimersi con l’utilizzo ed ad assottigliarsi, meglio quindi comprare un casco nuovo che comprima leggermente testa e guance purchè tale pressione non risulti eccessiva. Ricordiamoci che a volte usiamo la moto nel traffico e sotto il sole, un’eccessiva compressione cranica potrebbe provocare emicranie e cefalee. Un piccolo esperimento per valutare la misura corretta è quello di scuotere la testa col cinturino slacciato! Se il casco tende a ruotare eccessivamente allora sarà troppo grande!